Image Alt

Giacomo Leopardi appassiona Venezia

Giacomo Leopardi appassiona Venezia

Dieci minuti di applausi e successo di critica per la prima proiezione de “Il giovane favoloso”

Il Giovane Favoloso ha convinto la stampa e il pubblico della 71esima edizione della mostra del Cinema di Venezia. Tanti gli applausi dopo le due proiezioni di ieri e più che positivo il parere della critica.

Un film che porta in scena la vita di “un ribelle, un uomo nato alla fine del Settecento quasi per caso poiché il suo pensiero era un pensiero mobile, che non apparteneva al suo tempo”. Così lo definisce il regista Mario Martone che ha steso la sceneggiatura attingendo dagli scritti e dai carteggi del Poeta. “Tutto quello che ha scritto Leopardi è connesso alla sua vita ed ecco perché è stato interessante affrontarne la biografia, non per gli aneddoti, ma perché in Giacomo è proprio il rapporto tra vita e poesia che brucia e il cinema è lo strumento ideale per raccontarlo. Le sue poesie non sono state uno sfondo letterario, ma hanno fatto parte dell’azione del personaggio. Non c’è bisogno né di aver studiato la storia italiana, né di conoscere le opere di Leopardi per seguire la sua storia. Per vedere il mio film bastano anima e cuore.”

Per Elio GermanoGiacomo nel film – un ruolo molto impegnativo: “ Mario offrendomi questo ruolo mi ha fatto un regalo sia dal punto di vista professionale che umano, perché è stato un percorso enorme. È sicuramente il film per cui mi sono preparato di più. Sono partito anche io da uno studio “matto e disperatissimo” , ho studiato un’infinità di materiale, tanto che ad un certo punto mi infastidiva il fatto che dovessero iniziare le riprese perché mi sentivo talmente comodo in quella fase di studio. Dare un corpo ed una voce a uno come Giacomo non è stata una sfida, è stato più un trampolino, un bellissimo tuffo”.
D’altronde “Senza Elio” spiega il regista, “il film10426546_10152688401749752_764672450670877795_n non si sarebbe potuto fare”.

Tenero il ritratto di Paolina e del suo rapporto con il fratello delineato da Isabella Ragonese: “Paolina è stata l’unica con cui Giacomo ha mantenuto la corrispondenza fino alla morte. Dalle lettere viene fuori l’amore, l’affetto, la dedizione e l’ammirazione che lei nutriva per il fratello. Giacomo è stato il prolungamento di Paolina, è stato i suoi occhi e le sue gambe. Le ha permesso di uscire, di vedere se i mondi possibili e impossibili che aveva letto nei libri esistevano davvero. Abbiamo cercato di raccontare anche solo con gli sguardi il rapporto tra i due fratelli, un rapporto che non ha bisogno di tante parole ma è fatto anche di piccoli gesti. Per me girare lì, a Palazzo Leopardi, è stato di grande aiuto. Recanati racconta tanto della famiglia Leopardi”.

Anche Massimo PopulizioMonaldo nel film – ricorda i giorni delle riprese a Casa Leopardi. “Abbiamo girato nella Biblioteca di Monaldo e mi ha fatto un po’ impressione sedere alla sua scrivania. Ricordo che abbiamo spostato delle grosse pietre nere che tutti dicevano di non toccare, perché pare che portino sfortuna. Le avrò toccate centocinquanta volte!” dice ridendo, mentre Martone, ironico, lo riprende “a te è stata data la possibilità, perché interpretavi Monaldo, sono pietre che possono toccare solo i Leopardi!”

A festeggiare Il giovane favoloso a Venezia sono arrivati anche i conti Vanni e Olimpia Leopardi, custodi della casa che è stata il set del film. “Abbiamo messo a disposizione i nostri piatti, la tabacchiera, lo scrittoio, i libri – dice Vanni che ha fatto anche una piccola parte (il cocchiere) – ed è stato un grande onore poter aprire le porte del nostro palazzo”. La biblioteca di Monaldo Leopardi che si vede nel film è proprio quella meravigliosa di Recanati con i suoi ventimila volumi, conservata intatta. È autentica, raccontano i discendenti, anche “la breccia“, ossia l’appartamento che il conte Monaldo fece costruire per i figli maschi e dove si trova la camera del Poeta.”

Ora l’attesa è per l’esito del Concorso, mentre sulla  stampa si legge “Inutile girarci attorno – scrive il Fatto Quotidiano –alla 71esima Mostra del Cinema di Venezia è approdato il Leone d’Oro 2014. Il giovane favoloso è un film su Giacomo Leopardi che rischia di far saltare il banco al Lido”.

Il trailer del film

Intervista a Mario Martone ed Elio Germano (comingsoon.it)

 

Post a Comment

tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:30 (chiusura biglietteria ore 17:00).

A tutela dei visitaori e degli operatori, per consentire una corretta fruizione degli spazi e rispettare le norme igienico-sanitarie, gli ingressi saranno contingentati.

Tel. +39 071 7573380
Cell. +39 339 2039459
Email. biglietteria@giacomoleopardi.it

Casa Leopardi
Via Leopardi, 14
62019 Recanati MC